Home » Trucchi e software per Computer » Software » Spotify per Mac: come scaricarlo

Spotify per Mac: come scaricarlo

Spotify per Mac è il programma che permette l’ascolto gratuito (o in abbonamento con la versione premium) di milioni di brani musicali da tutto il mondo e di tutti  i generi.

Si tratta di uno dei software più conosciuti e popolari dell’ultimo periodo e i suoi punti di forza sono, sicuramente, la gratuità e l’ampiezza del ventaglio di ascolto a disposizione, tale da soddisfare anche i palati musicali più esigenti.

Spotify per Mac: come scaricarlo

La versione Premium, al costo di 9.90 € al mese, permette di ascoltare tutti i brani senza interruzioni pubblicitarie, con il vantaggio di scaricare le playlist offline e di ascoltare la musica anche da smartphone senza l’obbligo dell’impostazione “casuale”.

Fatte salve queste piccole “pecche”, anche la versione free è estremamente completa e piacevole da usare, consentendo da Mac o da Pc, l’ascolto di un nutrito numero di brani musicali.

Se avete a disposizione un computer Mac e volete scaricare Spotify, in questa guida vi spieghiamo passo passo come fare a usufruire di questo servizio streaming estremamente vantaggioso. Andiamo a scoprirlo insieme!

Come fare a scaricare Spotify per Mac: ecco tutti i passaggi

Spotify è disponibile anche sui Mac, per poterlo usare, vi basta seguire questa semplice guida.

Ecco come fare ad avere Spotify per Mac:

  • Per prima cosa, accedete alla pagina di Spotify da questo link ed effettuate la registrazione; tenete presente che Spotify per i primi 30 giorni consente di utilizzare l’account Premium in prova.
  • Quando avrete effettuato la registrazione, vi arriverà una mail con il link per il download;
  • Aspettate il termine del download, una volta completato fate doppio click per eseguire il software;
  • A questo punto, comparirà un messaggio sul vostro Mac, dove vi si indicherà di trascinare l’applicazione sulla cartella “Applicazioni”;
  • Il gioco è fatto! Ora potrete utilizzare Spotify anche sul vostro Mac.

Non ci resta che augurarvi: buon ascolto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *