Home » Smartphone e Tablet » Guide per smartphone » Blocca telefono rubato: ecco la guida

Blocca telefono rubato: ecco la guida

Purtroppo può succedere a tutti, di prendere il bus affollato, oppure di lasciare il telefono incustodito ed ecco che accade il patatrac, il nostro smartphone viene rubato. Cosa fare? Il consiglio che voglio darti subito è: blocca telefono rubato.

Proprio per questo nella nostra guida di oggi vogliamo spiegarvi come fare a bloccare un telefono che è stato rubato o perso.

Blocca telefono rubato: ecco la guida

Blocca telefono rubato: ecco la nostra guida

Come potrete immaginare, quando si perde o viene rubato lo smartphone, oltre al “danno” di aver perso il proprio cellulare, al fatto che bisogna affrontare nuovamente la spesa per l’acquisto di un nuovo telefono, e di aver perso tante cose che avevamo sul device, dalle foto, ai contatti, ai messaggi, alle password, c’è anche la beffa.

Eh già, perché sugli smartphone odierni abbiamo davvero tutta la nostra vita, che nella mani sbagliate può essere davvero una catastrofe.

Per questo motivo è fondamentale bloccare il device tramite il codice IMEI. Si tratta di un codice di 15 cifre che è un po’ la carta di identità del telefono. Per bloccarlo dovete contattare il vostro gestore telefonico.

La prima cosa da fare, ovviamente, è trovare il vostro codice IMEI. Se siete fortunati avete tenuto la scatola di acquisto del telefono. In quel caso, troverete il codice IMEI proprio sulla medesima scatola. Altrimenti dovrete procedere così:

Telefono Android

Per Android, andate su questo link, e accedete con la vostra User e Password di Google. Lì troverete tutti i device che fanno capo al tuo account con le relative informazioni, tra cui anche quella del codice Imei.

iPhone

Se, invece, usate iPhone, per trovare l’IMEI, dovrete accedere ad iTunes, e da lì dai vostri dispositivi troverete il codice.

Successivamente dovrete sporgere denuncia, e recarvi in un negozio relativo al vostro gestore per richiedere il blocco del telefono e della SIM card.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *