Trucchi e software per Computer – Createwebsite https://www.createwebsite.it News e suggerimenti su hitech Tue, 24 Mar 2020 12:23:51 +0000 it-IT hourly 1 Cos’è il Mixed Reality https://www.createwebsite.it/cose-il-mixed-reality.html https://www.createwebsite.it/cose-il-mixed-reality.html#respond Fri, 20 Dec 2019 14:41:38 +0000 https://www.createwebsite.it/?p=10047 Ecco una domanda essenziale per voi: cosa conoscete della realtà virtuale? A volte questa viene anche confusa con la realtà aumentata. Per essere precisi, i due campi si dividono in due ambienti, ovvero Realtà Virtuale (VR, Virtual Reality) e Realtà Aumentata (AR, Augmented Reality). Ma c’è qualcosa di più, un nuovo avversario in questo campo …

L'articolo Cos’è il Mixed Reality proviene da Createwebsite.

]]>
Ecco una domanda essenziale per voi: cosa conoscete della realtà virtuale? A volte questa viene anche confusa con la realtà aumentata. Per essere precisi, i due campi si dividono in due ambienti, ovvero Realtà Virtuale (VR, Virtual Reality) e Realtà Aumentata (AR, Augmented Reality). Ma c’è qualcosa di più, un nuovo avversario in questo campo di viaggi sopra la nostra realtà: il Mixed Reality.

Cos'è il Mixed Reality

Ma prima di spiegare di cosa si tratta e cosa possiamo farci, andiamo per gradi. Prima spieghiamo brevemente cosa contraddistingue i due campi e le loro tipiche differenze:

Realtà Virtuale e Realtà Aumentata

Realtà Virtuale: specialmente utilizzata tramite i classici “occhialoni” da indossare durante l’esperienza. La Realtà Virtuale ci permette di visitare un mondo digitale completamente a parte, facendoci indossare i panni di chi preferiamo. Si tratta quindi d’un modo per “vivere” una vita ed un ambiente completamente differente, un po’ come giocare ad un videogioco.

Realtà Aumentata: utilizzata soprattutto con le fotocamere integrate di console e cellulari. La Realtà Aumentata è l’equivalente di aggiungere una pellicola trasparente con disegni ed icone sopra un’altra immagine. In parole povere, antepone vari effetti grafici o altre funzioni sopra quello che stiamo inquadrando. Per questo la realtà risulta “aumentata” come conseguenza. Questa tecnologia viene utilizzata un po’ in tutto, e si sta cercando continuamente i modi per espanderla.

Ed è ora che torniamo al discorso della Mixed Reality. Cos’è esattamente questa “Realtà”? Tradotta direttamente suona come realtà mista. Unisce forse il virtuale con l’aumentata, in qualche modo?

In un certo senso, sì. Ma c’è anche di più. Questo sistema – inventato originariamente dalla Microsoft – include elementi della realtà virtuale, aumentata, e il sistema proprietario della casa che ci permette di interagire con immagini olografiche. Questo sistema è anche definito come Microsoft HoloLens.

Mixed Reality

Quel che fa il Mixed Reality è, su carta, qualcosa di avveniristico. Antepone a ciò che stiamo vedendo un immagine olografica, un po’ come la realtà aumentata, ma sulla forma degli occhialoni tipicamente utilizzati per la realtà virtuale. Ovviamente, al momento bisogna anche disporre d’un set di Microsoft HoloLens per ottenere il pieno effetto, il quale non ha molte applicazioni per l’utente normale. E’ infatti ancora molto più indicato per gli sviluppatori, con un costo che può arrivare abbondantemente sui 3000 euro.

Per quel che riguarda gli occhialoni compatibili con il Mixed Reality integrato, è possibile attualmente trovare qualcosa a riguardo già in giro per vari negozi online. Il loro costo – a dispetto del set HoloLens – non supera i 300 euro nella maggior parte dei casi.

Mettiamo però che compriamo uno di questi occhialoni Mixed Reality. Ci stiamo forse per ritrovare con un paio d’occhiali inutili? Non proprio. Le Mixed Reality sono compatibili con i sistemi VR, perciò sono una sorta di dispositivo che potete comprare ora in attesa del futuro, dove magari le HoloLens saranno più accessibili.

Ma siamo perfettamente onesti: al giorno d’oggi, questi occhiali sono piuttosto inutili da comprare. La tecnologia potrebbe cambiare in futuro e questo renderà le versioni attuali delle Mixed Reality completamente inutili. Del resto, le applicazioni che possono esserci per questa tecnologia hanno un di che d’interessante. Immaginate di anteporre oggetti olografici nella vostra stanza ed utilizzarli per vedere video, aprire un videogioco ed altro ancora. Tutto però stando nel “nostro” mondo, non attualmente visitando un centro virtuale o VR.

Questa via di mezzo è forse più indicata per le aziende o i musei, non proprio per l’utente normale. Ma chissà? Magari un giorno riusciremo ad utilizzarlo anche a casa nostra, giusto per imitare la presenza di dozzine di schermi giusto per consultare tutti gli ultimi post da social network, guardare qualche video e forse contattare qualcuno con una chiamata attraverso VOIP!

L'articolo Cos’è il Mixed Reality proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/cose-il-mixed-reality.html/feed 0
Intel Optane e che utilità ha https://www.createwebsite.it/intel-optane-e-che-utilita-ha.html https://www.createwebsite.it/intel-optane-e-che-utilita-ha.html#respond Sun, 15 Dec 2019 14:13:31 +0000 https://www.createwebsite.it/?p=10043 Gli accessori per il nostro PC fisso sembrano non terminare mai, ma generalmente si parla sempre di prodotti che possono renderlo più bello…ma per quel che riguarda la velocità? Tutto quanto ricade sulla lista dei componenti principali, non esattamente accessori. Se vogliamo un accesso rapido ai nostri dati, dobbiamo prendere una SSD. Di quel punto …

L'articolo Intel Optane e che utilità ha proviene da Createwebsite.

]]>
Gli accessori per il nostro PC fisso sembrano non terminare mai, ma generalmente si parla sempre di prodotti che possono renderlo più bello…ma per quel che riguarda la velocità? Tutto quanto ricade sulla lista dei componenti principali, non esattamente accessori. Se vogliamo un accesso rapido ai nostri dati, dobbiamo prendere una SSD. Di quel punto non vi è alcun limite di spesa. Più velocità in generale? E allora acquistiamo una CPU(vedi la guida per vedere parametri cpu) d’ultima generazione.

Intel Optane e che utilità ha

Intel Optane

Ma l’Intel ha attualmente deciso di cambiare un po’ questo discorso, ormai da diverso tempo. Parecchi ancora ignorano la presenza di questo prodotto, capace di dare qualche deciso vantaggio alle prestazioni del nostro PC – che sia nuovo o meno, dipende da un sacco di fattori del quale parleremo a breve. Il suo nome? Optane Memory.

Iniziamo dalle basi: cosa fa l’Optane Memory? Diciamo che l’idea principale è quella simile ai vecchi co-processori d’una volta. E’ una schedina che va piazzata nella porta M.2 (solitamente dedicata ad alcuni modelli di SSD) e forma un ponte fra l’unità principale (che sia SSD o HDD) e la RAM. Secondo l’Intel quest’accessorio hardware è capace di aumentare esponenzialmente la velocità di trasferimento, soprattutto perché permette un peso maggiore di dati trasferiti al volo.

Intel Optane Ram?SSD?

Ma non lasciatevi ingannare…non è un nuovo tipo di RAM e non può essere utilizzata come una specie di SSD. L’Optane, come già detto, è una cosa completamente a parte: è un pezzo non vitale il quale unico obiettivo è quello di aumentare la velocità del sistema. Null’altro. Non costa parecchio (65 euro per una stick da 32Gb) e può essere senza dubbio molto utile se l’accesso al disco è elevato.

Ogni cosa ha comunque i suoi limiti, alla fin fine: per utilizzare una memoria Optane, la scheda madre deve essere compatibile e la CPU installata (ovviamente Intel!) deve essere della serie 7. Non potete usare la memoria Optane per accedere più velocemente a più dischi: si adatta solamente al vostro disco principale – che sia SSD o HDD – e passa i dati da lì.

In che occasione una memoria Optane diventa utile?

  • Se il vostro PC è relativamente nuovo e compatibile con le memorie Optane, investire in una piccola stick da 16Gb può essere un buon modo per potenziare il sistema. Questo è soprattutto utile se la vostra unità principale è una SSD basata su SATA, non PCI-E.
  • Se state costruendo un PC nuovo, ma volete risparmiare un po’ sull’acquisto d’una SSD o un HDD comprandone uno non velocissimo, l’Optane è un ottimo supporto. E’ anche particolarmente indicato per gli HDD, ma ricordatevi sempre il discorso sull’unica concentrazione di questa memoria: funziona solo attraverso l’unità principale. Non preoccupatevi nemmeno della velocità della memoria RAM…le Optane sono compatibili con tutte, basta che lo sia a sua volta la piastra madre.
  • Se il vostro PC è un ultimo modello con una SSD basata su PCI-E, la Optane non è ritenuto un acquisto immediato. Una composizione del genere è esageratamente potente, tanto da (probabilmente) non trarre alcun vantaggio da una memoria Optane. E’ invece un acquisto che va fatto più in là, quando la composizione comincia ad invecchiare e perciò a rallentare.

Quindi per concludere: un piccolo potenziamento per il nostro PC, a patto che sappiamo bene se è compatibile e se ne vale attualmente la pena. Di certo è un buon accessorio che può essere acquistato a qualche anno di distanza dall’acquisto d’un nuovo PC oppure come compagno ideale per offrire supporto ad un hardware più economico. Di regola è anche fornito in coppia ad alcune SSD, anche se sono esageratamente costose e molti ne sconsigliano l’acquisto proprio per questo motivo.

L'articolo Intel Optane e che utilità ha proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/intel-optane-e-che-utilita-ha.html/feed 0
Chromebook come fare gaming https://www.createwebsite.it/chromebook-come-fare-gaming.html https://www.createwebsite.it/chromebook-come-fare-gaming.html#respond Tue, 10 Dec 2019 14:10:10 +0000 https://www.createwebsite.it/?p=10039 Dite la verità: tutto quello che avete previsto in un Chromebook è giusto qualche piccolo lavoro d’ufficio e delle lunghe sessioni di navigazione. Nemmeno una volta nella vostra vita avete considerato questo limitatissimo portatile come una sorta di macchinetta da gioco con il quale ammazzare il tempo una volta ogni tanto. Eppure…da qualche tempo, questa …

L'articolo Chromebook come fare gaming proviene da Createwebsite.

]]>
Dite la verità: tutto quello che avete previsto in un Chromebook è giusto qualche piccolo lavoro d’ufficio e delle lunghe sessioni di navigazione. Nemmeno una volta nella vostra vita avete considerato questo limitatissimo portatile come una sorta di macchinetta da gioco con il quale ammazzare il tempo una volta ogni tanto. Eppure…da qualche tempo, questa è diventata una realtà. Specialmente per quel che riguarda gli ultimi aggiornamenti, che hanno inserito la possibilità d’avviare Apps tipiche di Android e Linux.

Chromebook

Chromebook come fare gaming

In questa guida ti diremo come preparare il Chromebook ad una sessione di Gaming e come equipaggiarlo per bene per una partita seria. Ecco tutto ciò che bisogna fare:

Prima di tutto, controlla l’età e la composizione del tuo Chromebook! Se è davvero vecchio, è probabile che non è stato aggiornato da qualche tempo. Anche se l’aggiornamento che include la possibilità d’avviare Apps di Android non è così recente, è comunque più difficile da trovare a bordo di Chromebooks che hanno una buona quantità d’anni sulle spalle. La funzione che permette d’avviare le Apps è stata introdotta intorno al 2016. Certi prodotti che ad esempio risalgono al 2013 (A parte quelli di casa Google o quelli più costosi) possono essere già tagliati via da quest’aggiornamento. La versione compatibile a questa funzione è a partire da Chrome OS 53.

Chromebook-Android

Se volete sapere qualcosa di più per quel che riguarda la compatibilità Chromebook-Android , ecco una nutrita lista di prodotti compatibili (https://www.chromium.org/chromium-os/chrome-os-systems-supporting-android-apps).

Inoltre, assicuratevi che la composizione non sia davvero troppo povera per affrontare le varie sessioni di Gaming. Sì, molti giochi per Android  (vedi androidpeople.it)hanno un calcolo interno che riduce la qualità appositamente in base alle prestazioni rilevate, ma ovviamente non possono fare miracoli. Se il vostro Chromebook è molto modesto, concentratevi solo su giochi 2D o che hanno una certa età.

Se il vostro Chromebook è compatibile, grandioso! Non dovete fare altro: il Play Store è già stato scaricato e reso disponibile da tempo. Il vostro account Google sarà utilizzato per effettuare l’accesso, niente di particolarmente complicato.

Adesso è tempo di preparare un buon equipaggiamento. Generalmente i giochi Android sono programmati per supportare i Touchscreen o i controller Bluetooth. Ovviamente per giocare sarà ideale procurarsi quest’ultimo. I Chromebook non sono schizzinosi per quel che riguarda i controller, è possibile usare un qualsiasi prodotto con connessione Bluetooth per abbinarlo. Un prodotto molto economico che possiamo consigliare è il Moga Ace, ma qualsiasi altro tipo di Joypad può andare bene. In tutta onestà anche quelli che hanno una connessione USB possono essere utilizzati, perciò se ne avete già qualcuno in giro per casa, provatelo.

Chromebook accessori

Un optional che consigliamo è anche un bel paio di cuffie, sia a filo che Bluetooth (dipende dal vostro modello di Chromebook). Come già detto le Apps per Android non sono necessariamente create con il Chromebook come idea principale, perciò bisogna creare un buon ambiente che ricorda uno Smartphone. Le casse da portatile non rientrano sotto questi aspetti, delle cuffie invece sì. V’immergerà completamente nell’esperienza da gioco, poco ma sicuro.

E per quel che riguarda Linux? Si tratta d’una funzione ancora in avanscoperta, non disponibile a tutti. Ma nel caso potete anche testare qualche gioco tipicamente utilizzato per Linux per vedere il suo livello di compatibilità. La funzione è stata introdotta in Chrome OS 69, ma la base sul quale girano alcuni Chromebook può essere comunque troppo vecchia.

Infine, se i vari giochi installati sono troppo lenti, lasciate perdere l’idea di “truccare” il vostro Chromebook. E’ spesso una cattiva idea cercare di potenziare un portatile in vie non ufficiali, visto che i vari componenti (soprattutto per quel che riguarda l’alimentazione) sono stati creati per funzionare solo in quel modo, senza modifiche.

L'articolo Chromebook come fare gaming proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/chromebook-come-fare-gaming.html/feed 0
Le novità di Windows 10 ARM https://www.createwebsite.it/le-novita-di-windows-10-arm.html https://www.createwebsite.it/le-novita-di-windows-10-arm.html#respond Wed, 20 Nov 2019 13:19:43 +0000 https://www.createwebsite.it/?p=10031 Così come ogni edizione di Windows che si rispetti, anche il 10 ha una valida quantità di versioni disponibili. Anche se non è esattamente quel che pensiamo: non si parla infatti di versioni che possono essere installate tutte sul nostro PC. Nella maggior parte dei casi le versioni differenti di Windows 10 sono espressivamente dedicate …

L'articolo Le novità di Windows 10 ARM proviene da Createwebsite.

]]>
Così come ogni edizione di Windows che si rispetti, anche il 10 ha una valida quantità di versioni disponibili. Anche se non è esattamente quel che pensiamo: non si parla infatti di versioni che possono essere installate tutte sul nostro PC. Nella maggior parte dei casi le versioni differenti di Windows 10 sono espressivamente dedicate per un prodotto preciso, non tanto per l’impiego sul campo casalingo (specialmente visto che – per noi – le versioni si dividono solo per Home e Pro. Al limite vi sono versioni dedicati alle scuole o alle grosse imprese).

Le novità di Windows 10 ARM

Windows 10 ARM

In tal caso, la visiva delle versioni vecchie e nuove s’allarga parecchio. Possiamo trovare la versione S, RT, ed anche ARM. Senza dimenticare il Core OS ed il Lite. Insomma, la quantità di queste piccole versioni è a dir poco sorprendente.

Quest’oggi abbiamo deciso di parlarvi della versione ARM, per il quale il tutto può sembrare vantaggioso ai primi punti di vista, ma va sempre bene analizzare la versione  a fondo. Ecco perciò tutto quello che c’è da sapere:

Prima di tutto, vogliamo spiegarvi cos’è esattamente la tecnologia ARM. La chiave di questo significato sta nell’architettura della CPU: quelle che vengono di solito utilizzate nei PC vengono definite x86 (nella maggior parte dei casi, altrimenti vi è anche il x64), che siano AMD o Intel. Ovviamente questa tecnologia ha i suoi comandi 32-Bit e 64-Bit, il che non concerne molto la differenza fra quest’architettura e quella ARM.

Differente l’architettura ARM

In cosa è particolarmente differente l’architettura ARM? Un esempio particolare sono i chipset inclusi nei cellulari: quelli, ad esempio, sono basati su ARM. Molti processori di cui la prima utilità si basa su un minor consumo d’energia e costi va a concentrarsi sull’architettura ARM. E’ perciò un sistema molto più dedicato a prodotti Mobile, compresi Arduino e Raspberry, con un utilizzo assai più vasto d’un processore x86.

La versione ARM di Windows 10 non è certamente delle più nuove, forse nemmeno una delle più utilizzate. Ma di certo ormai è chiaro che non potete installare questa versione di Windows sul vostro PC, nemmeno provando a modificarla estensivamente. Semplicemente non è compatibile con i processori normali, perciò l’idea principale è quella d’installare questa versione di Windows su altri prodotti come le schedine Raspberry – il quale comunque non è molto consigliato, vista la limitata compatibilità.

Ma se riuscite ad ottenere un prodotto con Windows 10 ARM ben inizializzato, qualche piccola sorpresa c’è sempre dietro l’angolo. Ad esempio, questa versione può comunque avviare programmi normalmente compatibili solo con le architetture x86. Quindi ad esempio potete avviare un programma sul vostro PC e farlo tranquillamente anche sulla versione ARM, trasportandola quando desiderato. Chiaramente, non potete avviare programmi particolarmente pesanti, visto che in fondo si tratta d’un emulazione.

Occhio ai Driver

Tuttavia, non tutto è davvero così ben implementato. Ad esempio, la versione ARM non ha tutti i driver pronti all’uso. Se ad esempio dovete installare una stampante, i driver devono essere pronti per la versione ARM. Non è possibile utilizzare i driver x86 o x64, quelli non sono compatibili.

Normalmente questa versione di Windows viene fornita anche con la versione S (ora più che altro in sostituzione con quella Lite). La versione ARM è stata associata con la distribuzione di chipset Qualcomm (e quindi anche Snapdragon e simili) nel 2018, anche se la vendita di prodotti con questo sistema operativo al suo interno non è stata vastissima.

Ma almeno bisogna tenere in mente che per sfruttarlo veramente bene (e per quel che riguarda l’emulazione x86 / x64) bisogna avere un chipset piuttosto potente, almeno per evitare troppi rallentamenti durante l’uso del programma. Altrimenti…si può sempre andare avanti di Linux e le sue migliaia di versioni compatibili con l’architettura ARM!

L'articolo Le novità di Windows 10 ARM proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/le-novita-di-windows-10-arm.html/feed 0
Windows 7 (ed 8.1) con i nuovi Chipset https://www.createwebsite.it/windows-7-ed-8-1-con-i-nuovi-chipset.html https://www.createwebsite.it/windows-7-ed-8-1-con-i-nuovi-chipset.html#respond Sun, 10 Nov 2019 13:12:41 +0000 https://www.createwebsite.it/?p=10027 I chiodi sulla bara continuano a battere potenti. La Microsoft ha detto più e più volte: Windows 7 andrà in pensione l’anno prossimo. Windows 8.1 seguirà a ruota due anni dopo. Passate a Windows 10, è per il vostro bene! Ma sul serio, perché dobbiamo fare tutto ciò? A questo punto, ci basta disattivare gli …

L'articolo Windows 7 (ed 8.1) con i nuovi Chipset proviene da Createwebsite.

]]>
I chiodi sulla bara continuano a battere potenti. La Microsoft ha detto più e più volte: Windows 7 andrà in pensione l’anno prossimo. Windows 8.1 seguirà a ruota due anni dopo. Passate a Windows 10, è per il vostro bene! Ma sul serio, perché dobbiamo fare tutto ciò? A questo punto, ci basta disattivare gli aggiornamenti una volta che Windows non viene più protetto dalla Microsoft….e continuare ad installarlo come più ci pare e ci piace. Giusto?

Windows 7 (ed 8.1) con i nuovi Chipset

Hardware Windows 7 e 8.1

Eppure…un problema c’è. Da anni, infatti, stanno cominciando a circolare dei componenti Hardware che sono marchiati come compatibili solo ed esclusivamente con Windows 10. Ciò significa che la nostra intenzione di vivere per sempre con Windows 7 (o 8.1 che sia) può diventare un discorso più complicato. Molto più complicato.

Vediamo però di descrivere quali sono gli effetti e le conseguenze di questi pezzi hardware e come ci si dovrà comportare in futuro.

La sicurezza è molto importante, ma molto difficile da distribuire in maniera equa e rapida. Questo è perché stiamo vedendo questo cambiamento che anche a distanza di anni lo sentiamo così drastico.

Forse molti di voi se le sono dimenticato, ma cosa è successo con WannaCry? Un infezione ha usato un vecchio sistema di comunicazione SMB (Samba) incluso in molte versioni di Windows. Più era vecchia la versione di Windows, più era vulnerabile. Quest’infezione ha bloccato migliaia di PC con una richiesta di versare un certo numero di bitcoins (vedi cosa sono i bitcoin) per riottenere i dati, cosa che ha portato molti utenti alla disperazione.

La Microsoft ha distribuito degli aggiornamenti come soluzione d’emergenza, anche verso sistemi operativi dismessi come Windows XP. Ma secondo molti analisti, questo problema poteva essere evitato eliminando l’utilizzo di sistemi così sorpassati.

Passiamo poi a Meltdown e Spectre, vulnerabilità insite all’interno dei processori, che permettono a qualsiasi pirata capace di leggere qualsiasi dato che passa attraverso il PC. Sempre lo stesso discorso: più il sistema operativo è vecchio, maggiore è l’efficacia d’un infezione che fa utilizzo delle vulnerabilità Meltdown e Spectre. Certo, è sempre possibile produrre una patch, ma richiede molte più risorse e tempo per farlo per tutte le versioni di sistemi operativi al momento in uso.

Quel che vuole fare la Microsoft è evitare la frammentazione. Se ci si può concentrare su un solo sistema operativo, l’arrivo di aggiornamenti e patch può essere più diretto. Forse anche in anticipo rispetto alle vulnerabilità trovate sia nel sistema operativo che nei componenti Hardware.

Oltre ciò, man mano che andiamo avanti – e questo è perfettamente normale – molte istruzioni che utilizzano i sistemi operativi più moderni non sono compatibili con altri di 10 anni fa. Ad esempio: per semplificare e rendere più veloci i processori, le vecchie istruzioni vengono scartate, o riservate solo alla virtualizzazione del sistema (ovvero l’emulazione di altri sistemi operativi). Se perciò proviamo ad installare un vecchio sistema operativo ci viene dato l’avviso che questa versione di Windows può funzionare, ma con funzionalità comunque piuttosto limitate. A dirla tutta, qualsiasi aggiornamento che volete ricevere per quella versione di Windows probabilmente non funzionerà nemmeno.

Sì, molti possono vedere questa mossa come un aggressivo e forzato consumismo. In parte, è anche vero. La tecnologia va talmente a tambur battente che al giorno d’oggi esce un nuovo modello di cellulare “cavallo di battaglia” ogni anno, con versioni rivedute ogni sei mesi. Questo tocca anche per quel che riguarda il mondo dei PC, con componenti hardware sempre più nuovi e che escono in maniera sempre più rapida. Il che rende ancora più chiara la scelta del perché la Microsoft ha reso Windows 10(come fare il download) un servizio, non un prodotto, qualcosa che può perdurare in eterno.

L'articolo Windows 7 (ed 8.1) con i nuovi Chipset proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/windows-7-ed-8-1-con-i-nuovi-chipset.html/feed 0
Formattare una penna USB https://www.createwebsite.it/formattare-una-penna-usb.html https://www.createwebsite.it/formattare-una-penna-usb.html#respond Tue, 05 Nov 2019 13:02:48 +0000 https://www.createwebsite.it/?p=10020 Di solito questa faccenda non è nulla di complicato, ma per quel che riguarda le penne USB (molto utili in caso di installazione di Windows da usb)…cosa succede quando è necessario formattarla? Sì, Windows può senza dubbio farlo in pochi click e non ci viene chiesto nient’altro…ma se vogliamo controllare tutti i dettagli necessari, ci …

L'articolo Formattare una penna USB proviene da Createwebsite.

]]>
Di solito questa faccenda non è nulla di complicato, ma per quel che riguarda le penne USB (molto utili in caso di installazione di Windows da usb)…cosa succede quando è necessario formattarla? Sì, Windows può senza dubbio farlo in pochi click e non ci viene chiesto nient’altro…ma se vogliamo controllare tutti i dettagli necessari, ci ritroviamo con tantissimi aspetti. File System, unità di allocazione e tipo di formattazione…sono solo quei pochi aspetti che riguardano tutto ciò che parte dalle fondamenta della nostra unità USB. E forse anche di tanti altri dispositivi!

Formattare una penna USB

Se non avete mai visto di cosa trattano tutte queste informazioni, ecco qualche consiglio che possiamo darvi in ambito:

Cos’è un File System?

Essenzialmente è il modo in cui viene organizzata la composizione dei file all’interno d’un disco. Insieme a questo possono essere incluse funzioni come una protezione passiva contro la perdita dei dati, il supporto di comandi particolari, e così via. Guardiamo ora tutte le opzioni più particolari e disparate, e con cosa sono maggiormente compatibili:

FAT32

– Il File System più utilizzato nelle penne USB, probabilmente l’opzione di default che vedrai ogni volta che vorrai formattare una penna o una scheda SD. E’ considerato un File System sorpassato per quel che riguarda il resto, ma generalmente usato solo per evitare di sovraccaricare i dispositivi USB di funzioni inutili. Compatibile praticamente con tutto, dalle console ai Mac. Ha un limite di 4Gb di peso per file, non superare i 8Tb di dimensione totale.

NTFS

– Un File System creato dalla Microsoft per i loro sistemi operativi Windows a partire da XP. Non è compatibile con alcune console (solo l’Xbox One lo legge) e su MacOS non è possibile scrivere in NTFS, solo leggere. Standard per parecchi Hard Disk e SSD, aggiunge funzioni necessarie per il recupero dati e la memorizzazione di vari fattori necessari al ripristino. Considerata comunque molto vecchia e in urgente bisogno d’aggiornamento. Non ha limiti gravi di peso per file e supporta un limite di 16EB di dimensione totale.

exFAT

– File System creato quasi a compromesso, capace di supportare file più grandi rispetto al Fat32. Inoltre, può supportare fino a 64ZB di dimensione totale. Generalmente non viene usato su grande scala proprio perché l’unico vantaggio sta nella sua dimensione, non ha allo stesso modo varie utilità atte a recuperare dati o altro. Può essere letto dai sistemi operativi Microsoft e solo nelle versioni più recenti di MacOS. Linux non può leggerlo a meno che non viene installato un supporto. La compatibilità con le console è limitata, ma possibile.

APFS

– File System creato dall’Apple, una versione aggiornata che sta sostituendo il vecchio HFS. L’obiettivo principale è la criptazione dei dati e la protezione. Dedicato alle penne usb, SSD e componenti simili. Non ha particolari limiti di peso per file, supporta fino a 16EB di dimensione totale. E’ compatibile solo con i prodotti Apple, rendendolo così molto limitato.

HFS+

– Vecchio (ma non tanto) File System dell’Apple, senza un particolare limite di peso per file e 8EB di dimensione totale. Può essere letto da Windows con gli strumenti giusti, anche se solo in lettura. Linux e le console Microsoft possono leggere il File System HFS.

EXT

– File system creato principalmente per Linux, poi adottato anche su molti dispositivi mobile compreso Android (di cui in fondo è basato sempre su Linux). Non è compatibile con molti sistemi operativi, può essere letto sotto Windows con i giusti strumenti. Le console della Microsoft possono leggere il formato.

Cos’è l’MBR e il GPT?

Non rientra molto nel discorso delle penne USB, ma forse avrai notato quest’altro dettaglio attraverso un programma esterno. Generalmente l’MBR serve per indicare al PC cosa avviare, ed è uno standard a dir poco antico (nato nel 1983). Il GPT è invece una versione più avanzata, con compatibilità aggiunte alle nuove BIOS. Per questo, molte penne USB non riportano quest’informazione, anche se possono essere formattate in entrambi i modi.

Formattazione Veloce e Lenta?

Riguarda principalmente la sicurezza di rimuovere completamente i dati presenti nella pennetta. Con una formattazione veloce possiamo utilizzare subito la penna USB, ma alcuni dati sono ancora recuperabili. Con la formattazione lenta siamo assicurati che ogni cosa viene quasi completamente cancellata.

E cosa sono le dimensioni dell’unità di allocazione?

In parole povere, la dimensione massima che ogni file deve raggiungere prima di essere ridotto in altri pezzi (o cluster). Come normale utente non viene notato naturalmente, è utile lasciare quello standard per qualsiasi evenienza.

L'articolo Formattare una penna USB proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/formattare-una-penna-usb.html/feed 0
InstallD MacOS : di cosa si tratta? https://www.createwebsite.it/installd-macos-di-cosa-si-tratta.html https://www.createwebsite.it/installd-macos-di-cosa-si-tratta.html#respond Tue, 29 Oct 2019 13:01:22 +0000 https://www.createwebsite.it/?p=10016 Avete appena avviato il vostro iMac (o Macbook) e MacOS ha finito il suo avvio. State preparando la vostra giornata lavorativa, quando notate che stranamente le operazioni più lente del solito. La vostra curiosità vi porta a consultare tutti i programmi avviati tramite il monitoraggio attività, quando fra tutti i processi avviati notate un certo …

L'articolo InstallD MacOS : di cosa si tratta? proviene da Createwebsite.

]]>
Avete appena avviato il vostro iMac (o Macbook) e MacOS ha finito il suo avvio. State preparando la vostra giornata lavorativa, quando notate che stranamente le operazioni più lente del solito. La vostra curiosità vi porta a consultare tutti i programmi avviati tramite il monitoraggio attività, quando fra tutti i processi avviati notate un certo “Installd”. Questo programma sta prendendo un sacco di CPU e sta lavorando un sacco sull’ HDD. E’ forse un virus? Dobbiamo ripristinare il Mac o portarlo all’Apple?

InstallD MacOS : di cosa si tratta?

InstallID MacOS

Niente paura. Non dovete fare assolutamente nulla, in verità! Ecco cosa c’è da sapere a proposito di Installd, cos’è questo processo e cosa tocca esattamente nel sistema MacOS.

Prima di tutto, Installd sta – esattamente – per Install Daemon. Si tratta d’un processo che gira in unione a tanti altri programmi ufficiali Apple, e agisce come un centro per installare o aggiornare i programmi descritti dagli altri processi. In altri casi, Installd funziona anche per la rimozione di tutti i programmi che comunicano direttamente con lo Store.

Quindi quel che state vedendo è semplicemente un processo di sistema. InstallD riceve l’ordine dall’Apple Store d’installare un programma ed è ciò che fa, una volta creata la connessione. Allo stesso modo riceve gli ordini per aggiornare o rimuovere un programma, occupando perciò il processore per svolgere questo compito.

Procedura Apple InstallID

Ma non sempre tutto fila liscio. Così come tanti programmi, InstallD può bloccarsi o ripetere l’installazione di qualche programma continuamente per via d’un errore. Come normali utenti, noi non possiamo controllare esattamente qual è l’entità dell’errore, perciò prima d’iniziare a rivolgerci al supporto Apple seguiamo una di queste procedure:

  • Disattivate gli aggiornamenti automatici. Andate nelle impostazioni del vostro MacOS ed entrate nell’App Store. Al suo interno potete disattivare gli aggiornamenti automatici. Controllate se facendo ciò il vostro processore viene occupato di meno. Se la soluzione è questa, consigliamo comunque di riattivare gli aggiornamenti dopo che la vostra versione di MacOS ha ricevuto almeno qualche Patch. In tal caso, forse qualche difetto relativo ad InstallD è stato sistemato.
  • Disinstallate qualche App che può causare un loop (una ripetizione) di aggiornamento. In altri casi è possibile che InstallD stia tentando d’installare un programma che non è mai stato attualmente posizionato in MacOS. Controllate la lista dei programmi installati nell’App Store per vedere se ne è presente qualcuno ancora in fase d’installazione.
  • Ripulite il sistema operativo da file inutili o passateli in un disco separato. Questo è molto importante se il vostro iMac / MacBook ha una certa età, li che causa delle difficoltà di scrittura sul disco.
  • In alcuni casi, alcuni Mac sono veramente troppo vecchi per supportare aggiornamenti ed installazioni continuate. Riescono comunque a completarli, ma ci vuole più tempo. Perciò, provate ad aver pazienza ed aspettare un po’. Eventualmente le varie installazioni ed aggiornamenti avranno termine.
  • A volte FileVault è il colpevole di questi errori, visto che non riesce a decriptare quella parte del disco necessaria per l’installazione di alcuni programmi. Potete provare a disattivarlo, ma non è veramente qualcosa che consigliamo fermamente. Potete controllare lo stato di FileVault andando nelle impostazioni e quindi sotto Sicurezza & Privacy. All’interno di questa sezione è presente FileVault. Se non è attivo, lasciate perdere: criptare il vostro disco non risolverà questo problema.
  • Effettuate un controllo del vostro disco. Questo non è molto necessario se state usando una SSD, ma può essere invece vitale se il vostro HDD ha ormai qualche annetto d’età. Può darsi che InstallD stia provando ad installare o aggiornare dei programmi piazzati in una parte danneggiata del disco.

Se proprio tutto fallisce, provate ad eseguire un ripristino. Prima di fare ciò naturalmente consigliamo di effettuare un salvataggio completo di tutti i vostri dati.

 

L'articolo InstallD MacOS : di cosa si tratta? proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/installd-macos-di-cosa-si-tratta.html/feed 0
Rimuovere protezione foglio excel https://www.createwebsite.it/rimuovere-protezione-foglio-excel.html https://www.createwebsite.it/rimuovere-protezione-foglio-excel.html#comments Thu, 11 Apr 2019 13:04:21 +0000 https://www.createwebsite.it/?p=4145 Rimuovere protezione foglio excel Tutorial Video Excel protetto da password Vi è mai capitato di incappare in un foglio excel protetto da password? Non sto parlando di un file excel che come lo apri vi chiede la password ma sto parlando dei fogli excel che si aprono automaticamente in sola lettura e che quando andiamo …

L'articolo Rimuovere protezione foglio excel proviene da Createwebsite.

]]>
Rimuovere protezione foglio excel

Tutorial Video

Rimuovere protezione foglio excel
Rimuovere protezione foglio excel

Excel protetto da password

Vi è mai capitato di incappare in un foglio excel protetto da password?

Non sto parlando di un file excel che come lo apri vi chiede la password ma sto parlando dei fogli excel che si aprono automaticamente in sola lettura e che quando andiamo a modificare una cella o qualsiasi cosa danno il messaggio di errore in alto.

Anche seguendo le istruzioni del messaggio, quindi andando in Revisione- Rimuovi protezione foglio, ci appare un popup dove mettere la password che naturalmente non conosciamo. Rimuovere protezione foglio excel

Rimuovere password excel

Per rimuovere  la password dalla pagina excel dovete aprire il documento su cui togliere la password, scaricare il piccolo software che vi metto in download in basso, lanciarlo e scegliere attiva macro, adesso torniamo al nostro foglio e come menù in alto troviamo aggiunta un’altra voce: straxx.

Rimuovere protezione foglio excel
straxx

Clicchiamo su Straxx e troviamo questo piccolo sottomenù come nella foto, scegliere unprotect sheet e il gioco è fatto.

Rimuovere la password da un foglio excel come vedete è semplicissimo, vi metto in download il file.

 

File aggiornato Excel per 2007-2010

password_2007_2010

Ringraziamo la STARxx per la produzione dei files e i commentatori per tenerci sempre aggiornati!

L'articolo Rimuovere protezione foglio excel proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/rimuovere-protezione-foglio-excel.html/feed 2
Piattaforme cloud a confronto: AWS, Azure e GCP https://www.createwebsite.it/piattaforme-cloud-a-confronto-aws-azure-e-gcp.html https://www.createwebsite.it/piattaforme-cloud-a-confronto-aws-azure-e-gcp.html#respond Fri, 03 Aug 2018 09:05:57 +0000 https://www.createwebsite.it/?p=9844 Vi state chiedendo quale servizio cloud scegliere? Nell’articolo di oggi analizziamo le piattaforme cloud AWS, Azure e GCP che offrono i migliori servizi cloud. AWS (acronimo di “Amazon Web Services”) è pioniere del mercato IaaS, è stata lanciata da Amazon nel 2006. E’ la piattaforma che detiene la più alta quota di mercato, il 40%, …

L'articolo Piattaforme cloud a confronto: AWS, Azure e GCP proviene da Createwebsite.

]]>
Vi state chiedendo quale servizio cloud scegliere? Nell’articolo di oggi analizziamo le piattaforme cloud AWS, Azure e GCP che offrono i migliori servizi cloud.

AWS (acronimo di “Amazon Web Services”) è pioniere del mercato IaaS, è stata lanciata da Amazon nel 2006. E’ la piattaforma che detiene la più alta quota di mercato, il 40%, secondo un report di Synergy Research di febbraio 2017. Si rivolge principalmente al mondo enterprise, domina il mercato del cloud computing IaaS e IaaS+PaaS.

Azure di Microsoft, invece, ha fatto la sua apparizione nel mercato IaaS nel giugno del 2012, prima di tale data Azure aveva soltanto un’offerta PaaS.

L’anno successivo, infine, è stata la volta della Google Cloud Platform (GCP), la piattaforma cloud di Google.

Piattaforme cloud a confronto: AWS, Azure e GCP

 

Servizi cloud IaaS e scalabilità

Le piattaforme cloud di Amazon, Microsoft e Google rientrano nel modello “Infraestracture as a Service” (IaaS): in questo modello un cliente si affida ad un fornitore terzo che lo ospita e ne mantiene l’infrastruttura. Il fornitore offre servizi hardware, software, storage dei dati e molti altri. Tutto ciò avviene in un ambiente altamente scalabile ed il cliente paga solo per l’infrastruttura che effettivamente utilizza.

 

Servizi cloud a confronto

AWS, Azure e GCP mettono a disposizione oltre 90 servizi cloud rilasciando periodicamente nuove caratteristiche e funzionalità oltre a tutorial e documentazione sull’utilizzo. I servizi sono simili tra loro e comprendono lo storage dei dati, strumenti per sviluppare applicazioni, per analisi, per gestire gli oggetti dell’IoT, servizi per i dispositivi mobili, per le applicazioni aziendali, per la sicurezza e molti altri. I servizi che Google mette a disposizione dei propri clienti sono gli stessi che utilizza per il proprio motore di ricerca e per YouTube.

 

Servizi di cloud computing

AWS è famoso per Amazon Elastic Compute Cloud (EC2) che consente agli utenti di affittare computer virtuali sui quali eseguire le proprie applicazioni. Azure, invece, per Macchine Virtuali che permette di creare macchine virtuali per Windows e Linux ed offre molte soluzioni di calcolo, sviluppo, test, esecuzione di applicazioni ed estensione del data center. GCP, infine, è conosciuto per Compute Engine che consente agli utenti di lanciare macchine virtuali on demand.

 

Servizi di cloud storage: i servizi di AWS

AWS offre due servizi di cloud storage molto noti ed apprezzati, per i quali è molto semplice reperire online la documentazione:

  • Amazon Simple Storage Service(S3): servizio web di memorizzazione temporanea;
  • Glacier: consente di archiviare i dati e backup in modo sicuro, duraturo ed economico.

S3 e Glacier rendono AWS la scelta migliore in ambito storage.

 

Network

In ambito network, AWS offre alle aziende Route 53, un servizio web di DNS (si occupa di tradurre i nomi dei siti web in indirizzi IP numerici che sono essenziali per permettere ai computer di collegarsi tra loro). AWS, inoltre, offre Virtual Private Cloud che consente di creare sottoreti e deciderne la tipologia. Il corrispettivo di Azure è Virtual Network (VNET) che permette di impostare il VPN, avere un IP pubblico ed utilizzare firewall, DNS e cloud ibrido. Cloud Virtual Network è, invece, l’offerta di GCP e supporta DNS, firewall, IP pubblico e sottoreti.

Anche in questo caso la piattaforma AWS si presenta come la migliore soluzione cloud grazie all’affidabilità del suo servizio di DNS.

 

Costi: AWS, Azure, GCP si pagano in base all’utilizzo

Tutte e 3 le piattaforme cloud offrono dei costi in base all’utilizzo e non mancano sconti agli utenti che usano frequentemente i vari servizi.

Le 3 piattaforme possono essere provate gratuitamente, secondo diverse modalità:

  • Amazon: consente di provare gratuitamente una serie di servizi di AWS per 12 mesi. Alcuni di questi servizi sono gratuiti anche allo scadere del periodo di prova;
  • Microsoft: consente di provare per 12 mesi una serie di servizi di Azure gratuitamente;
  • Google: offre 300 $ gratuiti da poter utilizzare nell’arco dei 12 mesi per provare tutte le funzionalità della sua piattaforma.

 

Conclusioni: AWS pioniere e leader del mercato cloud

AWS sembra essere la piattaforma cloud migliore grazie alle tante opzioni di configurazione, alle funzioni di monitoraggio, alla sicurezza ed affidabilità dei suoi servizi ed alla sua flessibilità. Un punto a suo sfavore, tuttavia, è il non supportare il cloud privato on-premise, per questo molte aziende in ambito finanziario preferiscono conservare i dati sensibili dei propri utenti nei propri database ed utilizzare il cloud pubblico per altre finalità. Anche l’ampiezza della sua offerta si presenta come un’arma a doppio taglio: se per molti utenti avere molti servizi consente di poter fronteggiare una serie di soluzioni, per altri AWS è soltanto un fornitore estremamente complesso da gestire.

Per quanto riguarda Azure senza dubbio il grande vantaggio è la comprovata presenza di Microsoft nelle aziende e nella PA italiana: i servizi offerti da Azure si integrano perfettamente con la realtà aziendale. Negli anni, tuttavia, si sono verificate una serie di interruzioni e per questo Lydia Leong, analista di Gartner, consiglia di sfruttare ampiamente i servizi di disaster recovery messi a disposizione da Azure per le applicazioni più critiche che sono ospitate sul cloud.

AWS, quindi, continua ad essere il leader del mercato, come evidenzia anche Gartner nei suoi Magic Quadrant, seguito da Azure e Google Cloud Platform. Google, infatti, ultimamente sta cercando di introdursi maggiormente nel mercato enterprise scommettendo sugli strumenti di apprendimento automatico, sull’intelligenza artificiale e sul machine learning.

L'articolo Piattaforme cloud a confronto: AWS, Azure e GCP proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/piattaforme-cloud-a-confronto-aws-azure-e-gcp.html/feed 0
Convertire immagini in formato pes https://www.createwebsite.it/convertire-immagini-in-formato-pes.html https://www.createwebsite.it/convertire-immagini-in-formato-pes.html#comments Fri, 13 Jul 2018 10:08:00 +0000 https://www.createwebsite.it/?p=3648 Convertire immagini in formato .pes Pochi giorni fa un mio caro amico è venuto nel mio studio chiedendomi di risolvere un problema molto importante che ha sucitato il mio interesse. Il mio amico di professione fa il sarto e ha comprato da poco una macchina da cucire, la Brother Innovis 750e, questa macchina oltre a …

L'articolo Convertire immagini in formato pes proviene da Createwebsite.

]]>
Convertire immagini in formato .pes

Convertire immagini in formato pes

Pochi giorni fa un mio caro amico è venuto nel mio studio chiedendomi di risolvere un problema molto importante che ha sucitato il mio interesse.

Il mio amico di professione fa il sarto e ha comprato da poco una macchina da cucire, la Brother Innovis 750e, questa macchina oltre a cucire effettua anche ricami in automatico, basta avere il file. Usare questa macchina è davvero semplice, basta scegliere il logo da ricamare  e premere lo start per iniziare il lavoro. I loghi si possono scegliere o da alcuni modelli pre-caricati o direttamente da una penna usb.

Il problema era proprio questo, aveva  un’immagine di un logo in formato jpg, l’aveva messa su una penna usb ma la macchina non leggeva il file. Dopo qualche prova ho capito che la Brother innovis legge solo immagini e file in formato .pes.

Studiando la problematica ho capito che in realtà molte macchine che fanno ricami leggono solo file .pes, allora mi sono messo alla ricerca di qualcosa che potesse convertire un’immagine jpg o png in .pes.

Dopo circa 3 ore di consultazione di pagine web che davano le loro ricette miracolose per convertire l’immagine  e  dopo aver scaricato e provato numerosi convertitori sono arrivato ad una conclusione chiara e semplice: non esiste una ricetta segreta, il solo programma che converte immagini in formato  .pes è Pe-Design che è appunto un  software messo appunto dalla brother.

Naturalmente con la macchina da cucire, la brother dà qualche immagine in .pes e la demo di Pe-Design, ma la demo  non permette il salvataggio di file .pes, quindi è totalmente inutile,  bisogna comprare la versione professionale, una scelta commerciale intelligente ma che non attira che fà pochi ricami in quanto non rientrerà mai dei soldi spesi.

Se qualcuno è in grado di convertire i file si faccia avanti, ci sono molti che lo chiedono

L'articolo Convertire immagini in formato pes proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/convertire-immagini-in-formato-pes.html/feed 44
trucchi the sims freeplay https://www.createwebsite.it/trucchi-the-sims-freeplay.html https://www.createwebsite.it/trucchi-the-sims-freeplay.html#respond Wed, 31 Jan 2018 23:00:00 +0000 https://www.createwebsite.it?p=9556&preview=true&preview_id=9556 Se sei su questa guida vuol dire che sei alla ricerca di nuovi trucchi the sims freeplay. Dopo il grandissimo successo su PC, su console, la nuova versione sta ottenendo un grandissimo successo anche su smartphone. A differenza delle precedenti versioni, dove era possibile inserire i codici direttamente in gioco, con The sims Freepaly questa procedura …

L'articolo trucchi the sims freeplay proviene da Createwebsite.

]]>
Se sei su questa guida vuol dire che sei alla ricerca di nuovi trucchi the sims freeplay. Dopo il grandissimo successo su PC, su console, la nuova versione sta ottenendo un grandissimo successo anche su smartphone. A differenza delle precedenti versioni, dove era possibile inserire i codici direttamente in gioco, con The sims Freepaly questa procedura non è più possibile, quindi di conseguenza per accumulare esperienza, soldi, etc… bisogna aspettare minuti o persino ore per completare i diversi livelli, edifici, obiettivi etc. In questa guida andremo a vedere alcuni trucchi per the sims freepaly.

Trucchi The sims freeplay: I Metodi

The sims Freeplay è un’applicazione per dispositivi mobili creata e distribuito da EA Games. Questo gioco è possibile scaricarlo direttamente sia su Playstore che Appstore. Esso è un gioco di simulazione di vita dove i giocatori dovranno costruire case e controllare il proprio personaggio.

Durante il gioco bisognerà completare alcune missioni / obbiettivi dove posso essere ricompensati con simoleon, lifestyle points  e VIP points. Ma vediamo insieme quali sono i trucchi per velocizzare l’obiettivo del gioco ed avere più simoleon.

Come già anticipato, in questa guida andremo a vedere nel dettaglio come utilizzare i nuovi trucchi the sims freepaly in modo semplice ma sopratutto veloce. Esistono due tipologie di trucchi da utilizzare:

  • Guadagnare 5 Mila Simoleon;
  • Tornare indietro nel tempo.

Trucchi The sims freeplay: Come guadagnare simoleon gratis

I primo trucco che andremo a spiegare è quello di come guadagnare 5 mila Simoleon. Le procedure sono molto semplice, però consigliamo di seguirle alla lettere per far si che il trucco funziona correttamente.

La prima cosa da fare è quella di aprire il gioco e recarsi in una casa di un Sim qualunque senza fare nulla (IMPORTANTE). Successivamente premere il pulsante Home e aprire le impostazioni.

Nelle impostazioni premere due volte il tasto home e chiudere l’applicazione. Chiusa l’applicazione bisognerà recarsi in impostazioni; Data e Ora e disabilitare l’opzione Imposta automaticamente.

Aprire nuovamente il gioco The sims Freeplay e recarsi in una casa di un sims qualunque senza fare nulla. Premere di nuovo il pulsante Home e recarsi in impostazioni. Premere due volte il tasto home e chiudere The sims.trucchi the sims freeplay

Attivare la modalità aereo sul vostro smartphone e recarsi nelle impostazioni data e ora.

Modifica la data avanzando di un mese (Luglio>Agosto). Effettuata questa modifica, bisognerà aprire di nuovo il gioco. Durante il caricamento comparirà un messaggio con scritto “Impossibile connettersi al server ” con due opzioni riprova ed esci. Premere il pulsante riprova e premere velocemente due volte il pulsante home.

Ora bisognerà disabilitare la modalità aereo precedentemente attivata e tornare su The sims Freeplay. Se ha svolto correttamente i passaggi precedentemente spiegati dovresti avere sul tuo conto è salito di cinquemila Simoleon.

Trucchi The sims freepaly: Tornare indietro nel tempo

Il secondo trucco che andremo a spiegare dettagliatamente in questa guida è quello di come tornare indietro nel tempo.

La prima cosa da fare è recarsi nelle impostazioni e cambiare la data sul vostro smartphone: Cambia l’anno dal 2018 al 1970. Cambiata la data, aprite l’applicazione The Sims Freeplay e portare tutti i sims nella vostra casa. Successivamente bisognerà piantare qualcosa e costruire qualcosa. Ps: Puoi scegliere quello che preferisci.

trucchi the sims freeplayPremere il tasto home del vostro dispositivo e cambiare di nuovo la data al 1973, poi esci dalle Impostazioni. Premere due volte il tasto Home e cliccare per due secondi sulla schermata di The sims Freepaly ( le icone iniziano a tremare).

Fare clic sulla X per chiudere il gioco. Infine, aprire l’applicazione. Se ha svolto correttamente i trucchi The Sims Freepaly, tutto quello che hai piantato e costruito il tempo di attesa sarà concluso.

L'articolo trucchi the sims freeplay proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/trucchi-the-sims-freeplay.html/feed 0
Spegnimento automatico pc https://www.createwebsite.it/spegnimento-automatico-pc.html https://www.createwebsite.it/spegnimento-automatico-pc.html#respond Fri, 01 Dec 2017 11:45:23 +0000 https://www.createwebsite.it?p=8929&preview=true&preview_id=8929 Lo spegnimento automatico del Pc è una feature importante da conoscere per chi ha file importanti sul proprio PC e vuole preservarli. Mantenere il computer acceso per molte ore senza motivo, infatti, è pericoloso non solo per chi ha dei file di lavoro e da mantenere sul pc, ma anche per una questione economica: si …

L'articolo Spegnimento automatico pc proviene da Createwebsite.

]]>
Lo spegnimento automatico del Pc è una feature importante da conoscere per chi ha file importanti sul proprio PC e vuole preservarli.

Mantenere il computer acceso per molte ore senza motivo, infatti, è pericoloso non solo per chi ha dei file di lavoro e da mantenere sul pc, ma anche per una questione economica: si tratta di soldi spesi inutilmente. (vedi anche come disattivare cortana e risparmiare batteria.)

Inoltre, in questo periodo invernale, con piogge e temporali, avere un abbassamento di tensione può essere deleterio per un computer, ed è fondamentale evitare che accada.

Spegnimento automatico pc

Oggi vi spieghiamo come fare, sia con l’utilizzo di un software specifico, che tramite il menù del PC. Andiamo insieme a vedere la guida.

Spegnimento automatico del PC: ecco il programma facile per spegnerlo

La cosa più facile da fare è, chiaramente, quella di utilizzare un programma specifico. Mi riferisco a PowerOff, un software gratuito che vi permetterà facilmente di spegnere il vostro PC ad un orario preimpostato.

Per scaricare PowerOff gratuitamente, vi basta andare su questo link e procedere al download.

Una volta scaricata, questa app è veramente molto facile da utilizzare.

Per impostare lo spegnimento pianificato, andate nel relativo, menù, e impostate l’ora desiderata.

Potrete anche decidere se impostare tale spegnimento una tantum oppure giornaliero.

E’ importante, inoltre, che nel riquadro Opzioni, ci sia un segno di spunta a “Forza chiusura applicazioni”, altrimenti il PC non procedere allo spegnimento.

Spegnimento automatico del PC: ecco la guida

Senza software si può procedere comunque allo spegnimento pianificato.

Seguite questa procedura, da start andate su Start > Pannello di controllo > Sistema e sicurezza > Strumenti di amministrazione e su Utilità di pianificazione.

Da lì selezionate “pianificare attività”. Da questa opzione, potrete selezionare e impostare molte attività relative allo spegnimento automatico del vostro computer, tra cui impostare lo spegnimento a seguito di inattività. Molto comodo e senza installare ulteriori programmi.

L'articolo Spegnimento automatico pc proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/spegnimento-automatico-pc.html/feed 0
Come calcolare la percentuale in Excel https://www.createwebsite.it/come-calcolare-la-percentuale-in-excel.html https://www.createwebsite.it/come-calcolare-la-percentuale-in-excel.html#respond Tue, 28 Nov 2017 16:31:59 +0000 https://www.createwebsite.it?p=8915&preview=true&preview_id=8915 Come calcolare la percentuale in Excel : In un altro nostro articolo di alcuni giorni fa, vi abbiamo spiegato come fare per fare le moltiplicazioni su Excel. Proseguiamo nella nostra guida di utilizzo di questo programma. Come saprete, infatti, l’utilizzo di Excel è sempre più importante, e per chi vuole trovare lavoro o migliorare la …

L'articolo Come calcolare la percentuale in Excel proviene da Createwebsite.

]]>
Come calcolare la percentuale in Excel : In un altro nostro articolo di alcuni giorni fa, vi abbiamo spiegato come fare per fare le moltiplicazioni su Excel.

Proseguiamo nella nostra guida di utilizzo di questo programma.

Come saprete, infatti, l’utilizzo di Excel è sempre più importante, e per chi vuole trovare lavoro o migliorare la sua situazione lavorativa, questa skill è fondamentale.

Proprio questo ci ha spinto a redarre questa serie di guide sull’uso di Excel che, oggi, ci ha condotti a fare un altro piccolo grande passo alla sua scoperta, ovvero quella del calcolo delle percentuali.

In poco tempo riuscirete ad eseguire molteplici tipi di operazioni con Excel: ci vuole solo un briciolo di pazienza, ma vedrete che i risultati saranno importanti.

Vi avvisiamo in anticipo che la versione che utilizziamo per le nostre guide è quella del 2016.

Come calcolare la percentuale in Excel

Come calcolare la percentuale in Excel

Grazie a questa guida, vi renderete conto che calcolare la percentuale in Excel è veramente facilissimo e si può effettuare in pochi, semplici, passi. Andiamo insieme a scoprire cosa fare.

  • Spostatevi nella cella desiderata e scrivete l’importo;
  • Andate in un’altra cella e scrivete il valore della percentuale;
  • Nella casella dove volete vedere il risultate impostate Uguale (=) seconda casella asterisco (*) prima casella.

Per essere più chiari procediamo con un esempio che scioglierà tutti i vostri dubbi.

Ipotizziamo che dobbiate calcolare l’IVA del 22% sull’importo di 100 €. Dovrete procedere così:

  • Nella casella A1 scrivete l’importo di 100 €;
  • Nella casella A2 scrivete la percentuale 22 %;
  • Per ottenere il risultato finale, non dovrete fare altro che andare nella casella A3 e impostare: = A1*A2 e vedrete comparire il risultato di 22 €.

Ovviamente potete selezionare qualsiasi casella di vostro interesse, la scelta A1 A2 e A3 è stata da noi utilizzata per mero scopo esemplificativo.

Avete visto come è semplice utilizzare Excel? Al prossimo appuntamento con la nostra guida sull’utilizzo di questo programma!

[amazon_link asins=’8820371804,8850333617,8850333838,8848318711′ template=’ProductCarousel’ store=’createwebsite-21′ marketplace=’IT’ link_id=’624896f6-d4db-11e7-802b-6fd8fb79d0a5′]

L'articolo Come calcolare la percentuale in Excel proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/come-calcolare-la-percentuale-in-excel.html/feed 0
Minecraft lista server https://www.createwebsite.it/minecraft-lista-server.html https://www.createwebsite.it/minecraft-lista-server.html#respond Mon, 27 Nov 2017 16:55:27 +0000 https://www.createwebsite.it?p=8913&preview=true&preview_id=8913 Minecraft è uno dei giochi più popolari in assoluto presenti sul web, tanto che può essere considerato una vera e propria mania collettiva! Se anche tu ti sei lasciato contagiare dalla minecraft mania, oggi vi forniremo per Minecraft una lista di server per giocare online in multiplayer senza problemi. Se, invece, ancora non hai mai …

L'articolo Minecraft lista server proviene da Createwebsite.

]]>
Minecraft è uno dei giochi più popolari in assoluto presenti sul web, tanto che può essere considerato una vera e propria mania collettiva!

Se anche tu ti sei lasciato contagiare dalla minecraft mania, oggi vi forniremo per Minecraft una lista di server per giocare online in multiplayer senza problemi.

Se, invece, ancora non hai mai giocato a Minecraft, oggi ti spiegheremo come funziona questo gioco e perché è riuscito ad ottenere tanta popolarità, soprattutto come mai la popolarità continua ad essere così costante.

Minecraft lista server

Minecraft: cos’è e come funziona il gioco del momento

Minecraft è un gioco in cui la fanno da padrone l’intelletto l’arguzia e l’ingegno. Ognuno può crearsi un mondo perfetto, in cui sconfiggere i suoi mostri che gli fanno visita la notte.

Ma cosa ha reso Minecraft il gioco per PC più venduto della storia, e cosa la ha reso ora un fenomeno per tutte le piattaforme disponibili attualmente. Si tratta, in poche parole di un fenomeno senza tempo, che da anni ormai ha preso piede soprattutto conquistando i più giovani.

Con Minecraft la cosa più bella è sicuramente la variabilità di gioco. Non solo la possibilità di sentirsi un po’ architetti, visto che si può pianificare il piano urbanistico del proprio mondo, installando gli edifici di proprio interesse, ma si deve essere anche degli abili strateghi per evitare i creepers, i mostri notturni che attaccano i mondi nella notte.

Insomma, si tratta di un gioco su più piani e proprio questo lo ha reso tanto popolare. Ma la cosa più importante è la sua apertura praticamente illimitata che permetterà ai più creativi di realizzare cose incredibili. Provare per credere.

Minecraft: lista server

Ecco per te una lista dei server di Minecraft che potranno dare una svolta alle tue ore di gioco:

  1. https://hypixel.net/
  2. https://store.arcane.cc/
  3. https://www.cubecraft.net/
  4. http://mc.phantomcube.it/
  5. http://www.gzeu.eu/home.html
  6. http://play.minecraftpuro.net/index.php
  7. http://www.survivalone.it/
  8. http://mc.notifycraft.eu/
  9. http://solodavivere.it/
  10. https://hivemc.com/

Non ci resta che augurarvi: buon gioco!!

L'articolo Minecraft lista server proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/minecraft-lista-server.html/feed 0
Come fare le moltiplicazioni excel https://www.createwebsite.it/come-fare-le-moltiplicazioni-excel.html https://www.createwebsite.it/come-fare-le-moltiplicazioni-excel.html#respond Wed, 22 Nov 2017 19:34:21 +0000 https://www.createwebsite.it?p=8897&preview=true&preview_id=8897 Come fare le moltiplicazioni su Excel e non solo! Imparare ad utilizzare bene un programma complicato come Excel è una skill molto richiesta sul lavoro, e non solo, pertanto vi consiglio di dedicare parte del vostro tempo allo studio del suo funzionamento. Tenete in considerazione che, anche dopo anni di utilizzo, questo software è molto …

L'articolo Come fare le moltiplicazioni excel proviene da Createwebsite.

]]>
Come fare le moltiplicazioni su Excel e non solo!

Imparare ad utilizzare bene un programma complicato come Excel è una skill molto richiesta sul lavoro, e non solo, pertanto vi consiglio di dedicare parte del vostro tempo allo studio del suo funzionamento.

Tenete in considerazione che, anche dopo anni di utilizzo, questo software è molto complesso e non se ne conoscono al 100% tutti i suoi utilizzi ed i suoi applicativi. Studiarlo quotidianamente, però, sicuramente aiuta!

Oggi iniziamo a darvi alcune dritte sul funzionamento di Excel, partendo da una funzione basilare, ovvero come fare le moltiplicazioni su Excel, spiegandovi poi come fare a proteggere le celle di questa applicazione.

Come fare le moltiplicazioni excel

Come fare le moltiplicazioni su Excel

La nostra guida parte proprio dallo sviluppo delle moltiplicazioni su Excel, partendo in particolare dalle moltiplicazioni semplici, all’interno di una stessa cella.

Per effettuare la moltiplicazione, selezionate con il puntatore, la cella desiderata in cui effettuare il calcolo. Scrivete “=” (uguale) seguito dai due numeri da moltiplicare e nel mezzo un asterisco.

Per farvi un esempio pratico, se volete moltiplicare 6 per 8, non dovrete far altro che:

  • Cliccare con il puntatore sulla cella di interesse;
  • Inserire la sequenza: =6*8;
  • Premere invio.

Come per magia, vedrete comparire il risultato corretto nella cella desiderata.

Come proteggere i vostri fogli di lavoro

Dopo aver imparato come fare le moltiplicazioni, impariamo a proteggere il nostro lavoro, da modifiche indesiderate, soprattutto se sul vostro PC non lavorate solamente voi.

Per proteggere i vostri fogli di lavoro, seguite questa semplice procedura.

  • Prima di tutto dalla cella di lavoro, premete il “triangolino” che si trova tra “A” e “1”, questo servirà per selezionare tutta la cella di lavoro;
  • Da “home” del programma, andate su “Formato”;
  • Cliccate su “Proteggi foglio”;
  • Impostate una Password per procedere poi allo sblocco del foglio, e premete “Ok”.

A questo punto, solo voi potrete lavorare sul vostro foglio: buon lavoro!

L'articolo Come fare le moltiplicazioni excel proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/come-fare-le-moltiplicazioni-excel.html/feed 0
Come disattivare Cortana: ecco la guida https://www.createwebsite.it/come-disattivare-cortana.html https://www.createwebsite.it/come-disattivare-cortana.html#respond Tue, 21 Nov 2017 21:34:54 +0000 https://www.createwebsite.it?p=8909&preview=true&preview_id=8909 Cortana è l’assistente vocale di Windows e su questo software ci sono dei pareri contrastanti: ad alcuni piace, altri lo odiano. Per questo motivo alcuni di voi vorranno disabilitarlo: nella guida odierna, vi spieghiamo come fare a disattivare Cortana in pochi semplici passi. Nella guida vi spieghiamo il metodo sia per chi ha installato Windows …

L'articolo Come disattivare Cortana: ecco la guida proviene da Createwebsite.

]]>
Cortana è l’assistente vocale di Windows e su questo software ci sono dei pareri contrastanti: ad alcuni piace, altri lo odiano.

Per questo motivo alcuni di voi vorranno disabilitarlo: nella guida odierna, vi spieghiamo come fare a disattivare Cortana in pochi semplici passi.

Nella guida vi spieghiamo il metodo sia per chi ha installato Windows 10 prima dell’Anniversary Edition – metodo più semplice – che dopo. Andiamo a scoprire insieme come fare.

Come disattivare Cortana: ecco la guida

Come disattivare Cortana con Win10 installato prima dell’Anniversary Edition

Questo è il metodo più facile, per chi ha installato questo aggiornamento prima dell’uscita dell’Anniversary Edition (anche se avete windows 10 gratis).
Per disabilitare Cortana in questa situazione, non dovrete far altro che seguire questa facile guida:

  • Andate su Cortana;
  • Entrate nel Menù – per farlo premete il simbolo formato da 3 tratti orizzontali che si trova sopra il simbolo di una “casa”;
  • A questo punto cliccate su Appunti;
  • Infine, tappate le “Impostazioni”;
  • Da qui andate su “Cortana può suggerimenti, idee, promemoria, avvisi e altro ancora” su “No”.

Fatto.

Come disattivare Cortana con Win10 installato dopo l’Anniversary Edition

Questa guida è un po’ più complessa, in quanto necessita di andare ad operare a livello del registro di sistema. Proprio per questo, vi consigliamo di effettuare un backup prima di procedere. Andiamo ora a vedere quali passi dovete seguire per disabilitare Cortana.

  • Direttamente dalla barra di ricerca di Cortana, digitate regedit, e premente invio, dando ok al messaggio di avviso che comparirà immediatamente dopo;
  • A questo punto, dovete andare alla voce:  HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\Microsoft\Windows\Windows Search;
  • Fate clic sulla cartella Windows Search con il destro e selezionate Nuovo, poi cliccate su Valore DWORD (32-bit);
  • Fatto ciò, vedrete comparire un nuovo valore che dovrete chiamare AllowCortana, per poi premere Invio;
  • A questo punto, dovrete fare doppio clic su questa cartella per verificare che nella casella Dati Valore, ci sia “0”: in caso contrario dovrete inserirlo voi, per poi premere Ok;
  • Chiudete l’Editor e riavviate il Computer: Fatto!
[amazon_link asins=’B01FDVG8E2,B01FDVG8V0,B06XTZH65V’ template=’ProductCarousel’ store=’createwebsite-21′ marketplace=’IT’ link_id=’10bc4df9-cf57-11e7-a078-4b2bf696cdba’]

L'articolo Come disattivare Cortana: ecco la guida proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/come-disattivare-cortana.html/feed 0
come ruotare un pdf: ecco la guida https://www.createwebsite.it/come-ruotare-un-pdf.html https://www.createwebsite.it/come-ruotare-un-pdf.html#respond Tue, 21 Nov 2017 20:50:07 +0000 https://www.createwebsite.it?p=8893&preview=true&preview_id=8893 come ruotare un pdf: Quando si riceve un file PDF può capitare lo sgradito inconveniente che questo sia in posizione orizzontale o “capovolto”. Si tratta di un problema, perché ciò costringerebbe a tenere la testa piegata, quasi in versione “L’esorcista”, oppure a fare dei movimenti completamente innaturali. Nella guida di oggi, però, vi spieghiamo come …

L'articolo come ruotare un pdf: ecco la guida proviene da Createwebsite.

]]>
come ruotare un pdf: Quando si riceve un file PDF può capitare lo sgradito inconveniente che questo sia in posizione orizzontale o “capovolto”.

Si tratta di un problema, perché ciò costringerebbe a tenere la testa piegata, quasi in versione “L’esorcista”, oppure a fare dei movimenti completamente innaturali.

Nella guida di oggi, però, vi spieghiamo come ruotare un PDF in modo che i vostri vicini non decidano di chiamare un Prete!

come ruotare un pdf: ecco la guida

Altre cose utili sui pdf

Vi può  interessa anche dividere e unire pdf

Convertire pdf in jpg

Come ruotare un PDF: ecco la guida in pochi semplici passi

Nella nostra guida odierna vogliamo mostrarvi i modi più semplici per girare un file pdf, senza costringervi a scaricare nulla sul vostro pc, quindi semplicemente utilizzando dei servizi online.

Andiamo a scoprire come fare!

SmallPdf

Il primo servizio di cui vi parliamo oggi, è smallpdf, a cui potrete accedere da questo link. Senza scaricare alcun applicativo sul PC, l’unica cosa che dovrete fare è andare sul link da me indicato.

La pagina è estremamente intuitiva, come potrete vedere una volta entrati. All’interno del rettangolo viola che appare centralmente, c’è scritto “Trascina qui il PDF, scegli il file”: da lì, vi basterà scegliere il file da ruotare e girare le singole pagine, oppure tutte le pagine insieme.

Con questo servizio, potrete vedere l’anteprima direttamente, oppure decidere di procedere al download, modificando definitivamente il file. Nessun problema per la vostra privacy: dopo 60 minuti dall’utilizzo di questo applicativo, i vostri file PDF saranno cancellati definitivamente dai server di smallpdf.

PdfFill PDF Tools per Windows

Se, invece, preferite avere sul vostro PC un software specifico, potrete scaricare questa app gratuitamente da qui. Si tratta di un software che vi permetterà di avere diversi strumenti a disposizione per modificare i vostri file PDF, non solo di ruotarli: potrete aggiungere informazioni sul file, dividere e unire tra loro le pagine dei documenti, convertire immagini in PDF e viceversa, e molto altro ancora.

[amazon_link asins=’B01FDVG8E2,B06XTZH65V,B01FDVG8V0′ template=’ProductCarousel’ store=’createwebsite-21′ marketplace=’IT’ link_id=’79ff05b1-cf57-11e7-b2db-d1754ff5bce7′]

L'articolo come ruotare un pdf: ecco la guida proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/come-ruotare-un-pdf.html/feed 0
Programma per creare icone siti web : gratuito e veloce https://www.createwebsite.it/programma-per-creare-icone.html https://www.createwebsite.it/programma-per-creare-icone.html#respond Mon, 20 Nov 2017 22:58:57 +0000 https://www.createwebsite.it/?p=1932 Programma gratuito per la creazione di icone. Abbiamo testato icofx per redarre questo breve articolo, in basso il download

L'articolo Programma per creare icone siti web : gratuito e veloce proviene da Createwebsite.

]]>
Programma gratuito per creare Icone per siti web Icofx

Programma per creare icone siti web : gratuito e veloce

Salve a tutti, oggi intendo parlarvi di un programma gratuito e davvero semplice per creare icone.

Come sappiamo, un’icona la possiamo creare con qualsiasi programma di grafica che vogliamo, anche paint di microsoft, ma ciò che rende diversa un’icona da una semplice immagine, è senza dubbio la sua piccola grafica piena di trasparenze.

Download

Il programma gratuito per creare delle icone velocemente che ho esaminato si chiama Icofx, è gratuito e assolutamente in Italiano, in alto potete vedere un’immagine del programma aperto.

La grafica del programma è accattivante e tutto studiato per renderci la vita facile, infatti, se dal menu file facciamo nuovo, immediatamente ci appare una schermata con la possibilità di scegliere quale risoluzione scegliere per la nostra icona, con anche dei formati predefiniti, come il formato 48X48 indicatissimo  per le favicon.

Dopo aver scelto il formato che vogliamo disegnare, ci apparirà una pagina ingrandita nella quale possiamo disegnare la nostra icona, naturalmente è possibile caricare al suo interno una immagine esterna e ottimizzarla direttamente nel formato che abbiamo scelto.

Ciò che però stupisce davvero nell’utilizzo di ICOFX è la grande varietà di trasparenze e di manipolazioni che si possono dare al nostro progetto. In sostanza è come se avessimo un piccolo photoshop ottimizzato però per la creazione di icone.

L'articolo Programma per creare icone siti web : gratuito e veloce proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/programma-per-creare-icone.html/feed 0
ps4 aggiornamento: ecco la guida https://www.createwebsite.it/ps4-aggiornamento.html https://www.createwebsite.it/ps4-aggiornamento.html#respond Thu, 16 Nov 2017 21:37:40 +0000 https://www.createwebsite.it?p=8867&preview=true&preview_id=8867 PS4 aggiornamento: ecco cosa c’è da sapere :  Per mantenere stabile e scorrevole, senza lag e bug il sistema della vostra Play Station 4, è fondamentale che installiate ogni volta gli aggiornamenti rilasciati da Sony. Alle volte, però, non si conoscono tutti i metodi per aggiornare la propria console di gioco. Per questo motivo interveniamo …

L'articolo ps4 aggiornamento: ecco la guida proviene da Createwebsite.

]]>
PS4 aggiornamento: ecco cosa c’è da sapere :  Per mantenere stabile e scorrevole, senza lag e bug il sistema della vostra Play Station 4, è fondamentale che installiate ogni volta gli aggiornamenti rilasciati da Sony.

Alle volte, però, non si conoscono tutti i metodi per aggiornare la propria console di gioco.

Per questo motivo interveniamo noi, con la nostra guida di oggi! Se non riuscite a capire come fare ad installare gli aggiornamenti della PS4, noi siamo qui appositamente per voi! Andiamo a scoprire insieme come effettuare l’aggiornamento della vostra PS4.

ps4 aggiornamento: ecco la guida

PS4 aggiornamento: ecco come dovete procedere

Aggiornamento Play Station 4 tramite la console

Per aggiornare la vostra Play Station 4 tramite la console, vi basta seguire questa semplice procedura.

  • Dopo aver acceso la console, andate sulle Impostazioni direttamente dalla schermata Home;
  • Selezionate la voce “Aggiornamento Software di Sistema”;
  • A questo punto sarà lo stesso device a ricercare eventuali aggiornamenti. Se ve ne sono alcuni presenti, allora, procedete autorizzando la PS4 a scaricarlo.
  • Una volta terminato il download, dovrete cliccare su “Aggiorna”.
  • Ora la console si aggiornerà ed eseguirà il riavvio per installare gli aggiornamenti.

Aggiornamento Play Station 4 tramite chiavetta USB

Qualora la procedura diretta tramite la console non dovesse andare a buon fine, non disperate! Vi basterà avere a disposizione una chiavetta USB – tenete liberi almeno 500 mb di spazio – e la procedura sarà semplicissima.

  • Andate su questo link da PC e scaricate l’ultimo aggiornamento disponibile;
  • Inserite la pennetta nel PC e create una cartella “PS4” nella stessa;
  • Trascinate l’aggiornamento scaricato, nell’apposita cartella PS4;
  • Ora, accendente la vostra console in modalità provvisoria (per farlo, dopo aver chiuso la Play, tenete premuto per un paio di secondi il pulsante di accensione fino a sentire due “bip”);
  • Collegate con il cavo USB il controller e la chiavetta e premete il tasto PS sul controller stesso;
  • Cliccate su “Aggiorna da dispositivo di archiviazione USB”;
  • Attendete l’installazione: fatto!
[amazon_link asins=’B071H6RRQJ,B01GVQUX3U,B00KXX4UV4′ template=’ProductCarousel’ store=’createwebsite-21′ marketplace=’IT’ link_id=’aad53953-cb67-11e7-a6bf-f123e326e316′]

L'articolo ps4 aggiornamento: ecco la guida proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/ps4-aggiornamento.html/feed 0
Spotify per Mac: come scaricarlo https://www.createwebsite.it/spotify-per-mac.html https://www.createwebsite.it/spotify-per-mac.html#respond Wed, 15 Nov 2017 21:49:08 +0000 https://www.createwebsite.it?p=8879&preview=true&preview_id=8879 Spotify per Mac è il programma che permette l’ascolto gratuito (o in abbonamento con la versione premium) di milioni di brani musicali da tutto il mondo e di tutti  i generi. Si tratta di uno dei software più conosciuti e popolari dell’ultimo periodo e i suoi punti di forza sono, sicuramente, la gratuità e l’ampiezza …

L'articolo Spotify per Mac: come scaricarlo proviene da Createwebsite.

]]>
Spotify per Mac è il programma che permette l’ascolto gratuito (o in abbonamento con la versione premium) di milioni di brani musicali da tutto il mondo e di tutti  i generi.

Si tratta di uno dei software più conosciuti e popolari dell’ultimo periodo e i suoi punti di forza sono, sicuramente, la gratuità e l’ampiezza del ventaglio di ascolto a disposizione, tale da soddisfare anche i palati musicali più esigenti.

Spotify per Mac: come scaricarlo

La versione Premium, al costo di 9.90 € al mese, permette di ascoltare tutti i brani senza interruzioni pubblicitarie, con il vantaggio di scaricare le playlist offline e di ascoltare la musica anche da smartphone senza l’obbligo dell’impostazione “casuale”.

Fatte salve queste piccole “pecche”, anche la versione free è estremamente completa e piacevole da usare, consentendo da Mac o da Pc, l’ascolto di un nutrito numero di brani musicali.

Se avete a disposizione un computer Mac e volete scaricare Spotify, in questa guida vi spieghiamo passo passo come fare a usufruire di questo servizio streaming estremamente vantaggioso. Andiamo a scoprirlo insieme!

Come fare a scaricare Spotify per Mac: ecco tutti i passaggi

Spotify è disponibile anche sui Mac, per poterlo usare, vi basta seguire questa semplice guida.

Ecco come fare ad avere Spotify per Mac:

  • Per prima cosa, accedete alla pagina di Spotify da questo link ed effettuate la registrazione; tenete presente che Spotify per i primi 30 giorni consente di utilizzare l’account Premium in prova.
  • Quando avrete effettuato la registrazione, vi arriverà una mail con il link per il download;
  • Aspettate il termine del download, una volta completato fate doppio click per eseguire il software;
  • A questo punto, comparirà un messaggio sul vostro Mac, dove vi si indicherà di trascinare l’applicazione sulla cartella “Applicazioni”;
  • Il gioco è fatto! Ora potrete utilizzare Spotify anche sul vostro Mac.

Non ci resta che augurarvi: buon ascolto!

L'articolo Spotify per Mac: come scaricarlo proviene da Createwebsite.

]]>
https://www.createwebsite.it/spotify-per-mac.html/feed 0